fbpx

Servizi

Di Cosa ci Occupiamo

Fermamente convinti della necessità della multi-disciplinarintà, ma anche della specializzazione settoriale, in barba all’ormai desueto concetto dell’avvocato tuttofare, lo Studio Legale Di Paola - Miele offre consulenza qualificata ed altamente specializzata nei diversi ambiti del diritto (Civile, Amministrativo e Penale), prestando assistenza ad aziende, privati ed enti pubblici.

Risarcimento danni, danni da malasanità, cause contro le Assicurazioni, responsabilità medica, separazioni, divorzi, locazioni, bancario, esecuzioni immobiliari, recupero credito, verbali multe sanzioni amministrative, cause contro Compagnie Telefoniche e di Servizi Wind/Tre/Tim/Vodafone/Sky/MediasetPremium etc….
Volontaria Giurisdizione: Tutele, Interdizione, Amministrazione di sostegno/ Recupero del mantenimento dovuto dall’ex coniuge.
Invalidità/Pensioni/Accompagnamento – Recupero arretrati non corrisposti - Cause per differenze retributive e contributive – Cause di servizio – Infortuni/Malattie – Adeguamento del livello alla mansione effettivamente svolta
lo studio offre assistenza specializzata in diritto penale nelle seguenti ipotesi.
Reati contro lʼonore: Ingiuria, diffamazione, diffamazione a mezzo stampa.
Reati contro la persona: omicidio, lesioni personali, omicidio preterintenzionale.
Reati contro la libertaʼ personale sequestro di persona, violenza sessuale.
Reati contro il patrimonio furto, rapina, estorsione, ricettazione, sequestro di persona a scopo di estorsione.
Stupefacenti Detenzione di sostanze stupefacenti ai fini dello spaccio.
Stalking – violenza familiare – atti di bullismo.
Reati contro la pubblica amministrazione: violenza, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale.
bancarotta, reati tributari, reati ambientali, truffe, false comunicazioni sociali, reati inerenti ad attività imprenditoriali.
lo studio rivolge particolare attenzione al settore T.U.L.P.S. , Edilizia, Urbanistica (P.U.C. , P.I.P., P.E.E.P., P.U.A. ecc.), Alloggi popolari, Espropriazioni per pubblica utilità, Concorsi Pubblici, Diritto ambientale, Diritto degli Enti locali, Settore del Commercio (Autorizzazioni e Concessioni), Responsabilità erariale, Autorità indipendenti (ANAC E AGCOM), etc...
in tale ambito, lo Studio offre consulenza ed assistenza legale in materia per ciò che attiene la fase di predisposizione degli atti per la partecipazione ad appalti pubblici di lavoro, servizi e fornitura sia in ambito regionale che nel resto d’Italia, nonché la successiva ed eventuale fase di contenzioso dinanzi alle Autorità competenti giurisdizionali (Tar – Consiglio di Stato) e non (ANAC).

Tutto Incluso

La Formula dedicata alle Aziende

Lo Studio Legale Di Paola – Miele garantisce assistenza continuativa alle società che ne facciano richiesta mediante interventi di collaborazione a filo diretto h24, mediante redazione pareri, risposta alle necessità più svariate in tema di diritto scaturenti dall’attività gestionale e dai rapporti con i clienti pubblici e privati.
A tale scopo vengono predisposti appositi abbonamenti con formula “assistenza tutto incluso” con un servizio email ed un servizio chat appositamente dedicato.
I vantaggi per chi intenda aderire a tali abbonamenti sono molteplici. Ed infatti oltre ad avere un “avvocato in azienda” risparmiando, però, tutti i notevoli costi legati all’assunzione di un legale come dipendente, per chi intenda aderire a tale opportunità si offrono scontistiche particolari rispetto ai tariffari professionali.

abbonamento studio legale

Settori Specifici

Lo Studio Legale Di Paola – Miele da anni è specializzato nell’assistenza alle società di soccorso stradale e custodia giudiziali. Si tratta, a ben vedere, di un settore “di nicchia” che oltre ad essere poco conosciuto è, purtroppo, anche trascurato e “bistrattato”.
Lo Studio si occupa di seguire, con apposite convenzioni, le società di custodia in tutta la fase successiva al termine della custodia, sino alla liquidazione del compenso per l’attività svolta.
Ma non solo.
Allor quando i compensi per la custodia non sono liquidati secondo le norme di legge – che prevedono l’applicazione di specifici criteri di quantificazione e non il ricorso al generico criterio dell’equità – lo Studio si occupa anche di tutta la fase giudiziale, predisponendo all’uopo appositi ricorsi dinanzi alle competenti Autorità Giudiziarie.
Lo Studio in parola vanta numerosi successi ottenuti a conforto delle custodie giudiziali, garantendone il recupero del credito per le attività svolte nei confronti di Enti Territoriali troppo spesso restii al rimborso dei compensi dovuti.
Lo Studio, con uno spiccato dinamismo intellettivo, ha mostrato attenzione per le tematiche emergenti quali quelle che attengono la commercializzazione e contrattualizzazione della canapa a seguito della normativa liberalizzante della stessa, nei limiti di legge. Mediante l’adesione ad apposite convenzioni, lo Studio si occupa di seguire tutte le fasi dalla precontrattuale sino alla stipula del contratto, nonché alla fase esecutiva e relativa alla commercializzazione della stessa.

La legge 3/2012 ha avuto un recente aggiornamento nel 2021. Si tratta di una disciplina innovativa che ha come obiettivo quello di porre rimedio alle situazioni di Sovraindebitamento. A tal fine, attribuisce al debitore non fallibile (essenzialmente persone fisiche e piccole imprese) la possibilità di proporre ai creditori un piano di ristrutturazione del debito, basato su quello che potremmo definire un vero e proprio “principio di sopravvivenza”: in parole povere permette al debitore di sanare i propri debiti pagando ciò che il debitore può pagare. Proprio per questo è necessario che tale piano di ristrutturazione del debito, per poter essere approvato, assicuri la dignitosa sussistenza della famiglia del debitore.

La Legge 3/2012 aggiornata definisce il Sovraindebitamento all’art. 6, comma 2, lett. a) come: “la situazione di perdurante squilibrio tra le obbligazioni assunte e il patrimonio prontamente liquidabile per farvi fronte, che determina la rilevante difficoltà di adempiere le proprie obbligazioni, ovvero la definitiva incapacità di adempierle regolarmente”. Il Sovraindebitamento non è altro che la difficile condizione di coloro che non riescono a ripagare i propri debiti con le loro disponibilità economiche, sia a causa di imprevisti, ma anche semplicemente perché i debiti sono diventati troppi, senza che il debitore abbia provocato questa situazione con colpa grave o malafede.

Possono accedere alle procedure previste dalla Legge 3/2012 aggiornata tutti i soggetti che secondo l’ordinamento italiano non rientrano nelle disposizioni previste dalla legge fallimentare. Nello specifico: persone fisiche (tutte, lavoratori, disoccupati, pensionati, etc, aziende agricole, piccoli imprenditori non fallibili, professionisti, gli enti del terzo settore e le startup innovative. In particolare per quanto concerne i piccoli imprenditori il criterio principale per individuare se siano o no fallibili è il fatturato: se negli ultimi tre anni almeno una volta l’azienda ha superato i 200.000 di fatturato, l’imprenditore non può accedere ai benefici della Legge 3 sovraindebitamento. Allo stesso modo negli ultimi tre anni il debito complessivo non deve avere superato i 500.000 euro e il patrimonio aziendale i 300.000 euro.

Esistono procedure molto differenti tra loro che i professionisti scelgono per le diverse tipologie di soggetti:

  • Piano del Consumatore: può accedere solo il privato e non l’azienda. Il Tribunale verifica la solvibilità del debitore e definisce quanto può essere pagato, salvaguardando una somma sufficiente a garantire il sostentamento del nucleo famigliare del privato in stato di sovraindebitamento.
  • Accordo con i creditori: di norma utilizzato dalle imprese. Semplificando, può essere definito un “piccolo concordato” in cui si propone ai creditori un piano sostenibile che diventerà effettivo se approvato da almeno il 60% dell’ammontare del debito.
  • Liquidazione dei Beni: nelle situazioni debitorie più difficili è possibile chiedere al Tribunale di pagare il debito con la Liquidazione del proprio patrimonio, ottenendo, se sussistono le condizioni, l’esdebitazione di quanto non pagato. Per patrimonio si può intendere anche una quota del proprio reddito, quanto non si posseggono altri beni di valore.
  • Esdebitazione del debitore incapiente: introdotta con l’ultima riforma, permette al debitore che non ha beni e ha un basso reddito, di liberarsi dai debiti senza pagare nulla. Vista la particolare “vantaggiosità” di questa procedura, sono stati introdotti criteri più restrittivi, ovvero il debitore deve avere una particolare “meritevolezza” e al contrario delle altre procedure, se ne può usufruire una sola volta nella vita.

Ebbene, lo studio legale Di Paola-Miele offre piena assistenza sia nella presentazione della domanda di sovraindebitamento e nella scelta della migliore soluzione di esdebitazione (Piano del Consumatore – Liquidazione – Esdebitazione del debitore incapiente etc…),  sia proponendosi n.q. di gestori della crisi, a tanto abilitati dal “Corso abilitante per gestore della crisi da sovraindebitamento” frequentato dagli Avvocati presso l’Organismo di Composizione della Crisi da Sovraindebitamento – O.C.C. del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoli.

Il Decreto Legislativo 231/2001 ha introdotto in Italia il Sistema di Responsabilità Amministrativa dell’Ente in base alla quale qualora un soggetto, dipendente o collaboratore, operante in una società, commetta uno dei reati presupposto, previsti dal D.lgs. 231/2001, a vantaggio della società stessa, questa potrà essere condannata e subire una delle sanzioni previste dallo stesso D.lgs. 231/2001. Tale responsabilità si aggiunge a quella della persona fisica che ha realizzato materialmente il fatto. L’efficacia soggettiva del D.lgs. 231/2001 si basa sull’ente, inteso come organizzazione collettiva dotata di una certa autonomia organizzativa; sono esclusi lo Stato, gli enti pubblici territoriali, gli enti pubblici non economici, gli enti pubblici strumentali e quelli che svolgono funzioni di rilievo costituzionale.
Diversi sono i reati per i quali la società può essere chiamata a rispondere: Reati societari, Indebita percezione di erogazioni da parte dello Stato, o altro Ente Pubblico o Comunità Europea, Concussione, Corruzione, Frode informatica in danno dello Stato o di un Ente pubblico e il trattamento illecito di dati, impiego di lavoratori stranieri irregolari, omicidio colposo e lesioni gravi o gravissime commessi in violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela dell’igiene e della salute sul lavoro, reati ambientali, Autoriciclaggio.

Per essere esonerata dalla responsabilità amministrativa, la società deve dimostrare di aver adottato ed efficacemente attuato, prima della commissione del reato, un modello di organizzazione, gestione e controllo idonei a prevenire reati della specie di quello verificatosi. Dovrà l’ente dimostrare di aver adottato un efficace modello organizzativo i c.d. modelli organizzativi 231.

Ed è proprio qui che entra in gioco la consulenza di esperti legali dello Studio Di Paola – Miele che proprio sulla base del D.lgs. 231/2001, predispongono un modello organizzativo volto ad evitare che un soggetto operante nella società/ente posso incorrere in quei reati stabiliti dal decreto stesso.

L’oblio è “la dimenticanza non come fatto momentaneo, per distrazione o per difetto di memoria, ma come stato più o meno duraturo, come scomparsa o sospensione dal ricordo.” Questa la definizione che viene data dell’oblio. Tale “dimenticanza” è riconosciuta a livello giuridico con il   diritto all’oblio il c.d.  diritto dell’individuo ad essere dimenticato.

Il diritto all’oblio trova il suo riconoscimento e la sua disciplina nel GDPR – Regolamento 2016/679 all’art. 17. Statuisce l’art. 17 che 1. L'interessato ha il diritto di ottenere dal titolare del trattamento la cancellazione dei dati personali che lo riguardano senza ingiustificato ritardo e il titolare del trattamento ha l'obbligo di cancellare senza ingiustificato ritardo i dati personali, se sussiste uno dei motivi seguenti: a) i dati personali non sono più necessari rispetto alle finalità per le quali sono stati raccolti o altrimenti trattati; b) l'interessato revoca il consenso su cui si basa il trattamento conformemente all'articolo 6, paragrafo 1, lettera a), o all'articolo 9, paragrafo 2, lettera a), e se non sussiste altro fondamento giuridico per il trattamento; c) l'interessato si oppone al trattamento ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 1, e non sussiste alcun motivo legittimo prevalente per procedere al trattamento, oppure si oppone al trattamento ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 2; d) i dati personali sono stati trattati illecitamente; e) i dati personali devono essere cancellati per adempiere un obbligo giuridico previsto dal diritto dell'Unione o dello Stato membro cui è soggetto il titolare del trattamento; f) i dati personali sono stati raccolti relativamente all'offerta di servizi della società dell'informazione di cui all'articolo 8, paragrafo 1. 2. Il titolare del trattamento, se ha reso pubblici dati personali ed è obbligato, ai sensi del paragrafo 1, a cancellarli, tenendo conto della tecnologia disponibile e dei costi di attuazione adotta le misure ragionevoli, anche tecniche, per informare i titolari del trattamento che stanno trattando i dati personali della richiesta dell'interessato di cancellare qualsiasi link, copia o riproduzione dei suoi dati personali. 3. I paragrafi 1 e 2 non si applicano nella misura in cui il trattamento sia necessario: a) per l'esercizio del diritto alla libertà di espressione e di informazione; b) per l'adempimento di un obbligo giuridico che richieda il trattamento previsto dal diritto dell'Unione o dello Stato membro cui è soggetto il titolare del trattamento o per l'esecuzione di un compito svolto nel pubblico interesse oppure nell'esercizio di pubblici poteri di cui è investito il titolare del trattamento; c) per motivi di interesse pubblico nel settore della sanità pubblica in conformità dell'articolo 9, paragrafo 2, lettere h) e i), e dell'articolo 9, paragrafo 3; d) a fini di archiviazione nel pubblico interesse, di ricerca scientifica o storica o a fini statistici conformemente all'articolo 89, paragrafo 1, nella misura in cui il diritto di cui al paragrafo 1 rischi di rendere impossibile o di pregiudicare gravemente il conseguimento degli obiettivi di tale trattamento; o e) per l'accertamento, l'esercizio o la difesa di un diritto in sede giudiziaria.”

Viene pertanto riconosciuto il diritto di ogni persona a chiedere di rettificare i dati personali che la riguardano e il “diritto alla cancellazione e all’oblio”, se la conservazione di tali dati non è conforme al Regolamento. 

Il diritto all’oblio è un concetto tornato prepotentemente alla ribalta in ambito internazionale e principalmente europeo con l’avvento della Rete e diverse sono le definizioni fornite dalla dottrina. In particolare non solo più inteso come diritto a che altri non ripropongano fatti del passato, ma anche la circostanza che ognuno avrebbe il diritto a riprendersi dei tasselli della propria storia che sono pubblicati on line.

Sul caso è intervenuta anche la Corte di Giustizia Europea con un serie d pronunce di seguito elencate.

- Sentenza nella causa C-507/17 (24 settembre 2019)

Google LLC, succeduta alla Google Inc./ Commission nationale de l’informatique et des libertés (CNIL)
Il gestore di un motore di ricerca non è tenuto a effettuare la deindicizzazione in tutte le versioni del suo motore di ricerca. È tuttavia tenuto ad effettuarla nelle versioni di tale motore di ricerca corrispondenti a tutti gli Stati membri e ad attuare misure che scoraggino gli utenti di Internet dall'avere accesso, a partire da uno degli Stati membri, ai link di cui trattasi contenuti nelle versioni extra UE di detto motore

- Sentenza della Corte di giustizia nella causa C-136/17 (24 settembre 2019)

GC e a./Commission nationale de l'informatique et des libertés (CNIL)
Il divieto di trattare determinate categorie di dati personali sensibili si applica anche ai gestori di motori di ricerca. Nell'ambito di una domanda di deindicizzazione, dev'essere effettuato un bilanciamento tra i diritti fondamentali del richiedente la deindicizzazione e quelli degli utenti di Internet potenzialmente interessati a tali informazioni

- Sentenza della Corte (Grande Sezione) del 13 maggio 2014

Google Spain SL e Google Inc. contro Agencia Española de Protección de Datos (AEPD) e Mario Costeja González. Causa C131/12

Il gestore di un motore di ricerca su Internet è responsabile del trattamento da esso effettuato dei dati personali che appaiono su pagine web pubblicate da terzi. Così, nel caso in cui, a seguito di una ricerca effettuata a partire dal nome di una persona, l'elenco di risultati mostra un link verso una pagina web che contiene informazioni sulla persona in questione, questa può rivolgersi direttamente 

al gestore oppure, qualora questi non dia seguito alla sua domanda, adire le autorità competenti per ottenere, in presenza di determinate

Lo studio legale Di Paola – Miele con serietà e professionalità è a disposizione dei clienti, privati o società, per l’ottenimento, previa verifica delle condizioni, della rimozione definitiva sia dai siti internet che dai motori di ricerca di dati personali e/o sensibili non più attuali e/o comunque lesivi del buon diritto alla cancellazione di tali informazioni.

Lo Studio Legale in parola si propone di assistere, con risultati certi e rapidi, i clienti nelle ipotesi di esecuzioni immobiliari in atto. Lo Studio, infatti, in collaborazione con professionisti del settore finanziario, si offre di studiare la soluzione più indicata, caso per caso, per evitare che l’immobile ipotecato – la casa o l’azienda – venga venduto all’asta e, quindi, definitivamente perso.
Nel corso degli anni lo Studio si è specializzato nella definizione di accordi “a saldo e stralcio” per chiudere intere posizioni debitorie, nonché nella possibilità di definire accordi di ristrutturazione dei debiti con gli Istituti di Credito per consentire ai clienti di rientrare in bonis.
Lo Studio Legale Di Paola Miele offre uno specifico ed altamente qualificato servizio in materia di diritto bancario, mettendo a disposizione della propria clientela uno studio di pre-fattibilità della pratica ed una pre-valutazione tecnica della pratica, svolta da periti commercialisti e revisori contabili, totalmente gratuiti.
Ed infatti nella domanda di accesso al credito è inevitabile che gli Istituti di Credito possano “abusare” della propria posizione “di forza”, costringendo alla sottoscrizione di condizioni sfavorevoli o – addirittura! – illegali.
Per tali ragioni da anni lo Studio porta avanti numerosi contenziosi contro Banche e Finanziarie, spesso risolvibili finanche in via stragiudiziale, con numerosi successi anche in tempi brevi.
Negli ultimi anni il numero dei contenziosi tra le banche e i propri clienti ha conosciuto un profondo incremento; uno dei profili più interessanti di questa tipologia di contenzioso è rappresentato dall’illegittima segnalazione nei sistemi di valutazione del merito creditizio, nonché dal conseguente risarcimento del danno originato da tale fatto illecito.
Come è noto, è estremamente importante (in special modo nel mondo dell’imprenditoria) evitare che il proprio nominativo o quello della propria impresa risulti segnalato quale “cattivo pagatore” in una delle tante banche dati che hanno come scopo quello di valutare il merito creditizio degli utenti.
Tale segnalazione negativa, infatti, potrebbe innescare un pericoloso “effetto domino” potenzialmente in grado di provocare, nel peggiore dei casi, persino il fallimento della propria impresa.
La segnalazione negativa in queste banche dati ha notevoli implicazioni non solo in quanto comporta la sostanziale impossibilità per l’imprenditore di accedere ad ulteriori fonti di finanziamento ma anche perché potrebbe indurre gli altri istituti di credito (diversi da quello del segnalante) a procedere alla revoca degli affidamenti bancari già concessi o anche ad impedire al soggetto l’apertura di nuovi conti correnti.
In definitiva, la segnalazione come “cattivo pagatore” in queste banche dati può rappresentare l’inizio della fine di un’impresa, ragion per cui le segnalazioni nei sistemi di informazione creditizia dovranno essere subordinate all’osservanza di una serie di rigorosi requisiti, la cui sussistenza andrà valutata con estrema cautela.
L’illegittimo trattamento dei dati del cliente è certamente idoneo, in linea di principio, a ledere il c.d. diritto alla reputazione di “buon pagatore” ed a integrare una violazione degli obblighi sul trattamento dei dati personali del consumatore.
Questo è uno dei motivi che spinge lo Studio a rivolgere la sua attenzione a tutela delle tante posizioni lese da illegittime trascrizioni; alle banche e chi ne ha facoltà, è lasciato un ampio margine per procedere alla segnalazione a scapito di un cliente, ma sussistono comunque degli ineludibili presupposti che si devono rispettare nell’esercizio di un tale potere restrittivo ed inoltre si deve mettere il soggetto interessato – debitore – nella conoscenza preventiva del procedimento intrapreso.
Grazie alle proprie competenze tecniche e specialistiche lo Studio legale in parola, partendo dalla legge sul sovraindembitamento, offre consulenza ed assistenza in tema di esdebitazione.
Si tratta di una vera e propria opportunità per tutti coloro che, pur senza averne la possibilità, intendono risanare i propri debiti.
A tale scopo lo Studio predispone la presentazione di un piano di rientro per i debiti contratti che andrà sottoposto alla competente Autorità Giudiziaria.
Approvato l’accordo, il debito può essere ridotto, sulla scorta di quanto effettivamente il debitore è in grado di pagare in base alle sue disponibilità, ed il debito residuo verrà cancellato.
Nell’ipotesi in cui detto accordo non dovesse trovare accoglimento, lo Studio offre assistenza anche per la valutazione di una ipotesi di liquidazione del patrimonio.
Avvalendosi dell’ausilio di una equipe medico-legale altamente specializzata, lo Studio Legale Di Paola – Miele offre consulenza e assistenza per il risarcimento danni da malasanità.
Spesse volte il paziente si trova danneggiato da errori medici e/o diagnostici ed a farne le spese è proprio il bene più prezioso che ci sia: la salute.
Tuttavia, trattandosi di una materia tanto vasta quanto complicata, è necessario avere la certezza di rivolgersi a professionisti che sappiano bene analizzare e pre-valutare la pratica.
Si offre pre-valutazione della pratica e studio di pre-fattibilità totalmente gratuito, possibilità di relazioni medico legali con medici specialisti qualificati che collaborano con lo studio, assistenza in tutta la fase stragiudiziale ed eventuale fase contenziosa.
Lo Studio collabora con esperti mediatori finanziari e creditizi per cessioni del V dello stipendio, finanziamenti, prestiti e mutui per offrire ai propri clienti un servizio di assistenza a 360°.
L’Avv. Giuseppe Di Paola, specializzato in diritto tributario, offre assistenza e consulenza legale in materia, offrendo uno screening della posizione debitoria di privati e/o aziende, con prospettazione delle migliori soluzioni per il totale risanamento dei debiti tributari.
Oltre a prospettare eventuale ricorso a rateizzi, adesioni alle varie ipotesi di definizione agevolate proposte dall’Agenzia delle Entrate di anno in anno, lo Studio è specializzato nel contenzioso tributario, ponendosi quale obiettivo principale quello della miglior soddisfazione della clientela.
Notevoli e di grossa portata i risultati ottenuti “in campo” dallo Studio che combatte contro gli abusi del fisco e lotta per tutelare i diritti dei contribuenti.
Al fine di offrire una consulenza sempre più “modellata” sulle esigenze della clientela, lo studio – da anni specializzato nel settore – si occupa della redazione e predisposizione sia della modulistica aziendale, sia della contrattualistica, anche settoriale, sia nazionale che internazionale.
Offriamo un servizio sia di stesura ex novo che re-visione dei contratti già predisposti, garantendo una competente assistenza anche nella fase di scioglimento del contratto.
Lo studio si occupa inoltre di assistenza stragiudiziale e giudiziale sia in materia di diritto societario che fallimentare. Con solerzia ed impegno gli avvocati Di Paola e Miele cercano di andare incontro alle esigenze delle piccole e medie imprese clienti, studiando la soluzione più adatta al singolo caso specifico. Governo della crisi d’impresa, pianificazione e gestione delle diverse procedure concorsuali quali accordi di ristrutturazione dei debiti, piani di risanamento attestati e di ristrutturazione stragiudiziali, concordato preventivo, amministrazione straordinaria delle grandi imprese insolventi, liquidazione coatta amministrativa, esdebitazione.
Assistenza ai creditori dalla fase dell’insinuazione al passivo fallimentare e sino all’effettivo soddisfo.
Assistenza ai lavoratori nel recupero TFR e differenze retributive da società dichiarate fallite e/o dall’INPS.
Lo studio Di Paola Miele ha acquisito negli anni, una riconosciuta competenza nell’ambito del Diritto di Famiglia, grazie alle competenze dell’avv. Cristina Miele, da sempre in prima linea e molto attenta alle problematiche conseguenti alla crisi del rapporto coniugale, provvedendo all’uopo alla predisposizione di separazioni – consensuali e giudiziali – e divorzi, affidamento e responsabilità genitoriali, nonché delle problematiche delle disgregazioni familiare in cui sono coinvolti i minori, con particolare attenzione alle normative che pongono al centro il supremo e preminente interesse del minore. Lo studio garantisce la tutela del minore anche nelle procedure di riconoscimento e disconoscimento della paternità, di adozioni legittimante, nazionale ed internazionale.
Lo studio legale Di Paola Miele, si affianca al cliente anche nel campo del diritto penale, con riferimento a tutte le più comuni fattispecie di reato.
Tra i servizi legali resi rientrano:
• L’Assistenza legale all’imputato in giudizio, dalla fase delle indagini preliminari davanti al Giudice di Pace, al Tribunale, alla Corte d’Appello e alla Suprema Corte di Cassazione alla fase di esecuzione della pena.
• La difesa penale del minore, indagato o imputato, davanti al Tribunale per i Minorenni.
• La tutela della donna vittima di maltrattamenti, stalking, violenza sessuale, assistenza e rappresentanza in giudizio, anche mediante accesso al Gratuito Patrocinio, garantito dalla legge n. 119/2013.

Lo studio legale Di Paola Miele, inoltre, a tutela delle vittime di reato, provvede alla redazione di esposti, diffide, denunce, querele, nonché di atti di costituzione di parte civile necessari all’azione di risarcimento nel giudizio penale.
Lo studio legale Di Paola Miele offre consulenza professionale a privati ed imprese nel campo delle successioni, delle transazioni immobiliari e delle operazioni societarie. In dettaglio, si effettuano consulenze per la compravendita, la donazione e le divisioni immobiliari; si occupa di denunce di successione e divisioni ereditarie. Lo studio presta assistenza legale per la costituzione di società, come anche per operazioni straordinarie, oltre ad occuparsi di pratiche presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari (trascrizioni di sentenze, pignoramenti, ipoteche e relative cancellazioni, visure ipotecarie) , di indagini catastali ed ipotecarie e alla redazione di relazioni ipocatastali.
©Copyright 2019 :: Diritti riservati a avv. Giuseppe Di Paola - P.Iva: 07373641211 || Privacy Policy | Cookie Policy || web: La Partenografica